Fuoco

Le falle cominciano in

La Cremà

Contrariamente alla “Plantà”, che segna l’inizio effettivo della festa fallera in strada, la “Cremà” segna il suo termine.

È probabilmente l’evento più popolare a livello internazionale e quello che dà pieno significato al concetto di “festa delle Fallas”. I monumenti vengono esibiti in strada per essere bruciati. È questa la loro finalità e, allo stesso tempo, la loro grandezza. La notte dal 19 al 20 Marzo, enormi torce giganti fiammeggiano in tutta la città.

Gli eccelsi monumenti, che ore prima sfoggiavano vanitosi nelle strade e nelle piazze, sono ridotti in cenere dinanzi al clamore di centinaia di persone che assistono al rituale.

Simbolicamente, i falleros lanciano in un rogo acceso tutto ciò che rappresenta il superfluo, il nocivo o semplicemente l’inutile. Con quest’atto si avvia un nuovo inizio, una “rigenerazione” dello spirito. È l’obiettivo che fin dall’antichità ha sempre presieduto questo stile di rito pagano.

Tuttavia, il vero significato dell’atto della “cremà” non è altro che lo spettacolo e il rispetto della tradizione, per potere iniziare un nuovo evento fallero che aspira a essere sempre migliore rispetto al precedente.

La sfilata del fuoco

Spettacolare sfilata che, il 19, percorre una delle principali vie della città e che rappresenta una maestosa esaltazione del fuoco.

Il fuoco è, simbolicamente, lo spirito della festa, la sua destinazione finale. Per questa ragione, in questa sfilata, si esibiscono i riti e gli spettacoli più vari che, a livello internazionale, hanno il fuoco come protagonista.

Si tratta di una festa piena di colori e rumori, con carri, meccanismi giganti, travestimenti, razzi, fuochi d’artificio, spettacoli di strada, musica … il tutto sull’imbrunire, quando si avvicina l’ora in cui i Ninots soccombono divorati dalle fiamme.

Copyright © 2017 by Socarrat